AREE D’INTERVENTO

Risolvere lo stato d’ansia.

Lo stato d’ansia è una condizione in cui l’individuo sente un forte impedimento, psichico, psicosomatico, inconscio. L’ansia è parola abusata come lo stress; quasi tutto si riconduce allo stress o all’ansia.

La sintomatologia è varia: insonnia, inappetenza, fame nervosa, tachicardia, astenia, irrequietezza, paura di agire, indecisione, concentrazione eccessiva su situazioni specifiche, controllo degli eventi, calo della libido. Guarire dall’ansia si può, è necessario individuare la causa specifica e il meccanismo ansiogeno. (altro…)

Sintomi, ascolto e BenEssere

I sintomi, i segnali associati al bisogno di stare meglio da soli, in coppia, in fasi della vita sono diversi e a volte si dissolvono da soli.

L’insonnia, la poca voglia di reagire, l’irritabilità, l’ansia, gli attacchi di panico, la mancanza di coraggio, il timore di non farcela, le reazioni cutanee, i mal di testa, il mal di schiena, la colite…questo e altro sono voci interne che se perdurano chiedono ascolto e cambiamento, segnalano il bisogno del diritto di esistere e bene! (altro…)

Stare bene da soli e nelle nuove relazioni affettive

I single aumentano e aumentano due bisogni: stare bene nella propria singletudine o trovare un partner.
Cambiano anche i modi di relazionarsi, la chat, whatsapp…e spesso manca la capacità di andare oltre, è necessario sapere affrontare i nuovi ostacoli per vivere e non solo virtualmente.
Cambia anche la distanza nella coppia, distanza fisica, distanza voluta o ricercata, la distanza può portare a consolidare molto di più di una relazione facile e vicina, ma bisogna avere gli attrezzi emotivi per farlo e trovare il modo giusto per se.

Arricchire, consolidare la propria personalità è la vera ricchezza che permette di stare soli, stimarsi, suscitare interesse per come si è, sapere stare nei nuovi modi di relazionarsi all’amore.

La costruzione della felicità

Come dice Benigni: la felicità, che anche se qualche volta si dimentica di noi, noi non dobbiamo mai dimenticarci di lei! La felicità da valore alla vita a sè stessi, a quello che si fa, agli affetti, amici, relazioni.
La felicità vera ha bisogno di occhi per vederla, sentimenti per sentirla, ragione e cuore per mantenerla. Cambiare verso la personale felicità richiede un “lavoro di pulizia” in cui a volte si elimina, altre volte si modifica e altre ancora si riprogetta la propria vita personale e/o professionale.

Cambiamento e felicità è anche scegliere, fare la scelta giusta per sposarsi, adottare un figlio, cambiare città, partner, lavoro.

Omosessualità e ben-essere

Omosessualità e ben-essere. La ricchezza di chi è consapevole della propria omosessualità apre un mondo mentale e relazionale difficile e complesso. Il lavoro psicologico proposto trasforma la complessità in bellezza interiore e in relazioni personali e/o lavorative più fluide. (altro…)

Depressione e solitudine

Depressione e solitudine. A volte si usa il termine depressione in modo improprio, bisogna innanzitutto comprenderlo e imporre il giusto nome. Sullo stesso piano s’incrociano la solitudine, la depressione ma anche la creatività, la sensibilità particolare, un’intelligenza forte. (altro…)

Rimettersi in gioco o iniziare a “giocare”

Rimettersi in gioco o iniziare a “giocare” Esistono momenti in cui si ha voglia di prendersi cura di sé per vivere meglio, e se possibile dar voce ai propri sogni e trasformarli in progetti siano essi personali, professionali, creativi. Tutto questo è un viaggio che non conosce età. (altro…)